punta licosa

E’ uno di quei luoghi dove la parola “mare” assume dimensioni spettacolari. La storia emerge dai resti di una villa romana che si trovano semisommersi nell’acqua, a pochi metri dall’omonima isola di Licosa, a 300 metri dalla costa. Lunga appena 160 metri e larga 40, rappresenta il naturale prolungamento della punta del mare e infatti in tempi antichi era collegata ad essa. 

Ospita un faro, una piccola casa abbandonata, in cui fino alla prima metà del secolo scorso viveva un guardiano, i resti di un a vecchia cisterna, un piccolo obelisco di dubbia origine e funzione, qualche pianta di fico, e una fitta macchia mediterranea. Sul suo limite meridionale si trova una peschiera facente parte di una tonnara in funzione dal ‘600 al ‘700, di proprietà dell’abazia della trinità di Cava. Di fronte, sulla costa, si trovano alcune rovine di una torre vice-reale del XVI secolo , e la graziosa chiesetta di Santa Maria di Porto Salvo, nell’attuale proprietà Belmonte-Granito, a cui appartiene anche la bella villa di colore bianco. 

Al di là dei fatti storici, la piccola isola è anche intrisa di vicende mitologiche. Ad essa è legata il culto di Leucothea e Leucosia: la prima era una Dea marina, protettrice dei marinai; la seconda era una sirena, che al contrario rappresentava per i marinai un grande pericolo. 

Sta di fatto che, ancora oggi, al di là della mitologia o delle narrazioni omeriche, quest’isola affascina e ammalia. Si viene colpiti, soprattutto intorno all’isola, dalla trasparenza e dal colore delle acque, grazie alle costanti correnti marine, che fan sì che questo specchio d’acqua sia limpidissimo in ogni periodo dell’anno. Il fondale si mantiene basso nella vicinanza della costa, roccioso e con intensa algale grazie alla Posidonia oceanica che conferisce al mare tutte le tonalità del verde e dell’azzurro. Pur mancando spiagge sabbiose, i piccoli arenili costituiti da pietre e ciottoli offrono una possibilità di sosta, soprattutto dove in alcune minuscole insenature la pineta procura ombra e frescura. 

Roccadaspide

roccadaspide Roccadaspide è un paese popoloso che si affaccia sulla valle del Calore, che ha origini molto antiche. Il suo nome deriva dal greco “rocca”

Leggi Tutto »

TRENTINARA

Trentinara La terrazza del Cilento  L’aspetto più interessante di Trentinara è la sua superba posizione panoramica,, in quanto sporge letteralmente dalla terrazza terminale del Monte

Leggi Tutto »

ANTICHI SUONI

ANTICHI SUONI L’evento ispirato ai pellegrinaggi e ai secolari canti devozionali alla Madonna del Monte Gelbison, vedrà per tre giorni, da oggi a domenica, il

Leggi Tutto »

Copyright 2021 

Coperativa Mare Luna

All rights reserved