Sorgenti del Sammaro

Il fiume che nasce dal nulla 

Le sorgenti del Sammaro si presentano quasi come un luogo incantato, immerso in uno scenario fiabesco. Distano circa 2 Km dal centro abitato di Sacco, e possono essere facilmente raggiunte a piedi, con circa 30 min di cammino. Il percorso attraversa un’area boschiva e termina al fiume in prossimità di un ponticello. Se si risale il il corso d’acqua mediante il sentiero attrezzato, si giunge alla profonda gola da cui fuoriesce il fiume. 

Quando il fiume è in condizioni di bassa portata è facile individuarne la sorgente, che si trova all’interno della Gola. Essa fa parte del sistema idrogeologico del Monte Motola, che laddove incontra terreni meno permeabili, fuoriesce sottoforma di sorgente, come in questo caso. 

Il Sammaro è uno dei principali subaffluenti del Calore Salernitano, ed è inserito in una zona di grande valore ambientale. Le sue sorgenti hanno favorito l’insediamento preistorico nella Grotta Grande di Sacco, dove tra il XV e il XIV sec a.C. viveva una  comunità pastorale. 

Al di sopra del sito è ben visibile il ponte di Sacco, costruito nel 1950. 

 

Castallabate

castellabate www.comune.castellabate.sa.it Il paese risale al 1123, quando Costabile Gentilcore ottenne da Guglielmo, principe di Salerno, il permesso di costruire sul colle di Sant’Angelo una

Leggi Tutto »

Felitto

Felitto E’ soprattutto nota per motivi naturalistici perché costituisce il punto di partenza per le escursioni lungo le Gole del Calore, ma è anche nota

Leggi Tutto »

Copyright 2021 

Coperativa Mare Luna

All rights reserved